Come proteggere la batteria durante l’inverno

proteggere batteria in inverno



 

 

E’ inverno e volete proteggere al meglio la batteria della vostra auto che in questo periodo non utilizzate. Magari la batteria della vostra auto d’epoca, o quella del camper estivo. Insomma, vorreste fare in modo che una volta passato l’inverno, la batteria funzioni al meglio e senza aver perso troppa carica per l’inutilizzo.

E come si può preservare la batteria in inverno? Con poche, semplici ed intelligenti precauzioni!
 

Proteggere la batteria in Inverno – Le precauzioni basilari

Le precauzioni basilari per proteggere la propria batteria nel clima invernale sono riporla in un luogo asciutto, alla giusta temperatura e lontano dalla luce del sole.

Quindi per conservare la batteria correttamente:

1 – Riporre la batteria in un luogo in cui non sia presente molta umidità, meno è e meglio sarà lo stato di conservazione;

2 – La temperatura del luogo in cui la batteria dovrebbe essere riposta, deve essere di circa 15°C. Una temperatura inferiore, tra i 5° e gli 8° gradi, farebbe perdere almeno il 10% di carica in 9 mesi di inutilizzo. Peggio ancora se la temperatura è superiore, sui 30°C, la batteria può perdere sino al 45-60% di carica. Questa auto-scarica se aggiunta all’umidità, potrebbe rendere completamente inutilizzabile la batteria in futuro;

3 – Accertarsi che la batteria sia lontana dal sole e che la tensione interna sia di 12,4V.
Magari se la batteria sta perdendo molta carica, meglio prendere un po’ di tempo per ricaricarla e rivalutare il posizionamento. Conservarla nel modo giusto ce la farà trovare in buono stato quando ci servirà, ma soprattutto ci eviterà di sostituirla inutilmente.

Se invece la batteria è montata sull’auto che utilizziamo abitualmente, quelle descritte sono di certo pratiche sempre valide, ma ancor più importante è seguire altre precauzioni, come:

1 – Avviare l’accensione dell’auto con tutti i dispositivi spenti in fase di avviamento. Che siano fari, stereo, tergicristalli, condizionatore, navigatore o quant’altro, è sempre meglio avviarli dopo l’accensione dell’auto. Questo perché una volta accesa l’auto, la carica verrà data dall’alternatore e quindi la batteria non sarà sfruttata in maniera diretta;

2 – Lasciare l’auto accesa per un po’, senza dispositivi accesi, prima che venga parcheggiata e spenta. Questa è una pratica utile per lasciare una leggera carica alla batteria che così avvierà con più facilità l’accensione successiva.

Per quanto riguarda poi la manutenzione della batteria (smontarla, spostarla, caricare il liquido, etc), ricordate sempre di operare a motore spento e di non mettere mai a contatto due poli opposti. Ma soprattutto di affidarvi ad un esperto nel caso non sappiate cosa fare, con le batterie per auto non si scherza, possono essere pericolose se non maneggiate con cura.

 

Proteggere la batteria in Inverno – Considerazioni Finali

Solitamente una batteria di avviamento per auto ha una durata che varia dai 2 ai 5 anni, tutto sta nel tipo di batteria e nel modo in cui la teniamo.

Cioè, se utilizziamo una batteria sfruttandola al massimo e non ne preserviamo l’integrità con le dovute precauzioni, la sua carica tenderà a diminuire più rapidamente e quindi durare di meno, al contrario, se seguiamo quanto detto sopra, la batteria potrebbe mantenersi stabile anche per 4-5 anni.

Se ne avremo cura ne avremo un conseguente ricavo, che potremmo definire anche “monetario”.

 



Potrebbero interessarti anche...