Sostituire la batteria dell’auto: il fai da te

istruzioni fai da te



 

 

Abbiamo già parlato in altri articoli del fatto che le batterie delle auto non hanno una vita illimitata e di tutte le cause possibili della scarica totale e del danneggiamento di questi accumulatori. In alcuni casi sarà sufficiente ricaricare la batteria, argomento anche questo già approfondito, però prima o poi la nostra batteria dovrà essere sostituita.

La mancata manutenzione, le temperature estreme o problemi all’impianto elettrico del veicolo possono portare la batteria alla completa scarica, processo che lascerà scoperte le armature che si ossideranno, deteriorandole. Col tempo e cicli profondi di scarica, si formeranno sulle piastre anche dei cristalli di solfato di Piombo che renderanno la ricarica difficile e con valori nominali più bassi di quelli originali. In questi casi la batteria dovrebbe essere sostituita.

Possiamo rivolgerci ad un elettrauto o ad un meccanico per la sostituzione, ma essendo un lavoro semplice e abbastanza veloce, possiamo procedere comodamente a casa nostra, se possediamo i giusti attrezzi. Andiamo a vedere qual è la procedura e a cosa fare attenzione.

 

Istruzioni per cambiare la batteria da soli

Prima di tutto bisognerà comprare una nuova batteria, tenendo conto dei dati presenti sul libretto di istruzioni della propria auto. Dimensioni e amperaggio devono essere uguali a quelle della batteria da sostituire.

Dopo aver acquistato la nuova batteria, andrà smontata quella vecchia, seguendo le istruzioni dedicate alla propria auto. Di solito basta una chiave inglese del 10 e del 13 per la maggior parte delle auto, ma ci sarà sicuramente specificata la procedura nel dettaglio nel proprio libretto. Vanno smontati gli eventuali blocchi che tengono ferma o proteggono la batteria. Solitamente sono cinghie o coperture in plastica.

Pratica comune a tutte è sicuramente quella di sganciare i morsetti collegati ai poli della batteria, uno alla volta: prima quello negativo e poi quello positivo. La batteria ha infatti due poli, uno positivo (simbolo + o colore rosso) e uno negativo (simbolo – o colore verde o blu), e se messi in contatto (es. se vengono toccati insieme) si crea un corto circuito che oltre a rovinare la batteria, può causare gravi danni alla salute e incendio. Staccati i morsetti, dobbiamo stare attenti a non farli toccare con parti metalliche dell’automobile, per evitare scariche o danneggiamento all’impianto elettrico.
Scollegata la batteria vecchia, possiamo toglierla dal suo vano.

Per montare quella nuova, basterà rifare le stesse operazioni in ordine inverso, avendo cura di collegare i morsetti sui giusti poli. Questo è importantissimo, e vogliamo ricordare che il polo positivo è quello rosso o comunque col il simbolo +, mentre quello negativo è verde, nero o grigio e col simbolo -.

Ricapitolando, per rimontare la batteria sull’auto dobbiamo alloggiarla nell’apposito vano, collegare il polo positivo, solo successivamente quello negativo. Infine montare eventuali blocchi per completare l’opera.
Un consiglio pratico è quello di tenere uno sportello aperto e le chiavi non inserite, perché le operazioni di sostituzione potrebbero accidentalmente causare il blocco delle portiere, in quanto la centralina che controlla la chiusura centralizzata potrebbe essere sollecitata.

 

Guarda il video con l’intera spiegazione


 

 



Potrebbero interessarti anche...