La macchina non parte? Amazon più veloce di un elettrauto

giro la chiave ma non parte



 

 

Riporto la storia di un mio collega di lavoro che riassume quanto possa essere importante oggi la tecnologia nel quotidiano, anche quando si tratta di un lieve incidente come quello accorso a lui durante una normale mattina di lavoro.

Mi trovavo già in ufficio e lo aspettavo come tutte le mattine per prendere il caffè prima di iniziare la giornata lavorativa. Non ci si sente mai al telefono perchè puntualmente ci si ritrova al solito posto.

Questa mattina stranamente non c’era; attendo una decina di minuti, così decido di chiamarlo prima di ordinare. La giornata per lui non iniziava nei migliori dei modi perchè si trovava ancora “fermo ai box”.
Proprio così, lasciato solo dalla sua auto che, probabilmente per il gelo della nottata, aveva smesso di dare segni di vita. “Giro la chiave della macchina ma non parte“, “all’inizio sembrava avviarsi ma ora nessun rumore“. Queste le sue prime parole un pò scocciate. Purtroppo non c’è nemmeno modo di spingere l’auto perchè si trova nel box e bisogna salire la rampa per accedere alla strada.

Gli suggerisco che sicuramente non è il motore di avviamento ma è la batteria scarica. Purtroppo non ho modo di aiutarlo se non indicargli l’elettruato più vicino a casa e fornirgli il numero di telefono.
Io mi avvio in ufficio sapendo di stare tutta la mattinata impegnato in una riunione.

 

Volete sapere come è andata a finire?

Beh, come accennato all’inizio dell’articolo, la tecnologia ha superato l’uomo. Il mio collega chiama l’elettrauto per informarlo del probabile guasto alla macchina. Lui impegnato in quel momento prende atto e prende nota del suo indirizzo, ma lo avverte che prima di due ore non potrà essere sul posto.
Ha provato a chiamare anche un carro attrezzi o l’assicurazione per verificare se potessero sopraggiungere prima, ma l’idea è stata tutt’altro che geniale. 15 minuti di attesa solo per parlare con un operatore con il risultato di arrabbiarsi ancora di più.
Mano al cellulare si è informato su internet e ha deciso di andare a comprarsi una batteria. Dopo qualche numero di telefono recuperato per chiamare un rivenditore, ha deciso di prenderla online su Amazon. Il motivo?
A Milano è attivo il servizio di consegna in un’ora. Ha fatto l’ordine e ha atteso che il pacco arrivasse.
Nel giro di 60 minuti il corriere è apparso e il mio collega è riuscito a cambiarsela da sola.

Tempo due ore e mezza era in ufficio con la sua macchina e la sua batteria nuova.

I tempi cambiano, per tutti. Anche per l’elettrauto.

 

 



Potrebbero interessarti anche...